REVISIONI

Service

Cos’è cambiato con l’introduzione del Testo Unico sulla Sicurezza D.lgs 81/2008
Il decreto attuativo di cui al comma 13 dell’art.71 del D.Lgs 81/08 pubblicato il 29 aprile 2011 è entrato in vigore il 24 maggio 2012 e descrive le nuove modalità di controllo degli organi di sollevamento.

Prima del decreto , le verifiche sugli organi di sollevamento potevano essere eseguite solo dagli enti pubblici preposti , ovvero ISPESL- ARPAV-ASL-INAIL.
Ora tali verifiche possono essere eseguite anche da enti notificati privati, al fine di garantire il controllo su tutti gli organi di sollevamento in attività.
L’obbiettivo perseguito è che tutti gli organi di sollevamento dovranno essere controllati o dall’ente pubblico o dall’ente privato al fine di sanare il vuoto creatosi negli ultimi anni.

E’ necessario inviare apposito modulo di richiesta a seconda del tipo di verifica che bisogna eseguire .Tali moduli , che Ormet vi potrà fornire, contengono i dati del richiedente ,i dati dell’organo di sollevamento da verificare e, novità, il nome dell’ente notificato privato atto ad eseguire la verifica nel caso l’ente pubblico non riesca a soddisfare la richiesta.

Quali verifiche / manutenzioni è obbligatorio fare su gru e piattaforme aeree

Le verifiche sono di due tipi :

  • Prima verifica “”INAIL”
  • Verifica periodica ARPAV/ASL/soggetti abilitati
  • Manutenzione periodica “come da prescrizione del costruttore”

Se la gru ha più di 20 anni

Per le gru con età superiore ai 20 anni si rende necessaria una verifica straordinaria, da eseguire prima del controllo periodico. Tale verifica verrà eseguita da ingegneri abilitati che analizzeranno con indagini non distruttive lo stato di efficienza della gru. Al termine di tali controlli, se positivi, verrà rilasciata relazione tecnica necessaria per la successiva verifica periodica.

Periodicità delle verifiche

Dopo aver sostenuto la Prima verifica, la gru verrà verificata con una periodicità legata al settore in cui opera il richiedente ed all’età della stessa:

Settore Età della gru Periodicità verifica
Costruzioni sotto i 10 anni Ogni anno
Siderurgico
Portuale Sopra i 10 anni Ogni anno
Estrattivo
Altri settori sotto i 10 anni ogni 2 anni
sopra i 10 anni ogni anno

Le piattaforme aeree vanno verificate ogni anno

Perchè è necessario il controllo in officina Ormet

Oltre che a garantire la giusta manutenzione alla gru, il controllo periodico Ormet è propedeutico per il superamento delle verifiche INAIL-ARPAV. L’accuratezza dei nostri controlli ci ha permesso nel tempo di creare uno standard operativo a cui i tecnici degli enti pubblici e privati si affidano.

E’ necessario il patentino per utilizzare la gru

Tutti gli operatori di gru e piattaforme elevabili dovranno sostenere un corso entro il marzo 2015 per esserne abilitati all’utilizzo . Ormet organizza da anni corsi riconosciuti anche all’estero.

PER INFO E PRENOTAZIONI DI

  • Controllo periodico gru
  • Prima verifica gru INAIL
  • Verifica Periodica
  • Verifica Ventennale
  • Corsi Operatori gru
SCARICA BROCHURE
digitali

ORMET è anche centro tecnico per interventi su tachigrafi digitali. I servizi offerti sono:

  • prima attivazione tachigrafo
  • taratura periodica del tachigrafo
  • scaricamento dati tachigrafo (ogni 3 mesi)
  • scaricamento tessera autista (ogni 28 giorni lavorativi)
  • archiviazione dati scaricati da tessere e tachigrafi
    su nostri server come copia di sicurezza (previa autorizzazione)
  • salvataggio dati scaricati da tessere e tachigrafi su supporti magnetici preferiti da Noi forniti (CD, USB)

l tachigrafo digitale va tarato entro 2 anni dalla data esatta dell’ultima taratura o attivazione, ogni qualvolta installo pneumatici con misure diverse dai precedenti, se si cambia targa, se si “ripunzona” il numero di telaio, se si eseguono interventi sul trasmettitore o su qualsiasi punto del collegamento tra tachigrafo e veicolo.

PER INFO E PRENOTAZIONI

autocarri

La linea revisione ORMET è omologata per poter controllare i veicoli superiori a 3,5 Ton.quali Autocarri, Rimorchi ed Autobus, in modo da esaminare gli stessi con Prove opacimetriche (fumi di scarico), freni e prova giochi sullo sterzo. Eseguita la check-list di controllo sulla linea da parte del Responsabile Tecnico, il veicolo viene indirizzato in Officina per la messa a punto e/o sistemazione. Segue poi la prenotazione, fatta direttamente da Ormet presso la Sede di Revisione della Motorizzazione più vicina (Treviso). Il servizio e l’Assistenza alla Revisione, che viene eseguita alla presenza dell’Ingegnere della Motorizzazione, viene curato dal nostro Personale esperto in materia.
Questa procedura, praticata da anni ed anche se molto impegnativa, garantisce il Regolare esito della Revisione.

La revisione obbligatoria

  • Riguarda tutti i veicoli in circolazione ed i loro rimorchi;
  • Dal 1° Gennaio 2000, la Repubblica Italiana si è allineata alle direttive della Comunità Europea che ha fissato le seguenti cadenze periodiche di revisione: REVISIONI ANNUALI che riguardano:
    •  AUTOBUS
    • AUTOVEICOLI ISOLATI DI MASSA COMPLESSIVA A PIENO CARICO SUPERIORE A 3,5 t.,
    • RIMORCHI DI MASSA COMPLESSIVA A PIENO CARICO SUPERIORE A 3,5 t,
    • AUTOVEICOLI E MOTOVEICOLI IN SERVIZIO DI PIAZZA O DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE,
    • AUTOAMBULANZE.
  • Frequenza di revisione: A partire dall’anno successivo a quello di immatricolazione, entro il mese di rilascio della carta di circolazione, e successivamente ANNUALE con scadenza nel mese di effettuazione dell’ultima revisione

Normative in materia di revisioni

Sezione I – NORME COSTRUTTIVE E DI EQUIPAGGIAMENTO E ACCERTAMENTI TECNICI PER LA CIRCOLAZIONE
Art. 80. Revisioni
1. Il Ministro dei trasporti e della navigazione stabilisce, con propri decreti, i criteri, i tempi e le modalità per l’effettuazione della revisione generale o parziale delle categorie di veicoli a motore e dei loro rimorchi, al fine di accertare che sussistano in essi le condizioni di sicurezza per la circolazione e di silenziosità e che i veicoli stessi non producano emanazioni inquinanti superiori ai limiti prescritti; le revisioni, salvo quanto stabilito nei commi 8 e seguenti, sono effettuate a cura degli uffici provinciali della Direzione generale della M.C.T.C. Nel regolamento sono stabiliti gli elementi su cui deve essere effettuato il controllo tecnico dei dispositivi che costituiscono l’equipaggiamento dei veicoli e che hanno rilevanza ai fini della sicurezza stessa.
4. Per i veicoli destinati al trasporto di persone con numero di posti superiore a nove compreso quello del conducente, per gli autoveicoli destinati ai trasporti di cose o ad uso speciale di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t, per i rimorchi di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t, per i taxi, per le autoambulanze, per i veicoli adibiti a noleggio con conducente e per i veicoli atipici la revisione deve essere disposta annualmente, salvo che siano stati già sottoposti nell’anno in corso a visita e prova ai sensi dei commi 5 e 6.

PER INFO E PRENOTAZIONI

Revisioni
Vota questa pagina

Condivi questa pagina sui social...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone